venerdì 2 marzo 2018

EMMA E LA LEGA . E ALTRO ...


RADICALI – IL PARTITO-TENIA

Nel 1994, ad Emma Bonino i voti della Lega non facevano schifo. Era la Lega stupida  di Bossi e furbastra di Maroni  (e del Trota), quelle dell’acqua del Po e dei militanti con le corna da vichingo, secessionista, anti-meridionale (a parole), derisa dalle sinistre illuminate: ma la Bonino si fa eleggere da quella formazione. La cui rozzezza permetteva ogni forma di “entrismo”.

 Possiamo dire meglio, di parassitismo.  Nel senso del verme solitario,  parassita dei maiali e dell’uomo. Il partito Radicale,  sapendo  che da sé e con  il suo simbolo non raccoglie voti, si è sempre infiltrato negli intestini dei partiti  che trascurano l’igiene alimentare; ci si piazzano, ne succhiano le energie e deviano l’ideologia verso le istanze radicali, il nichilismo immoralista .  Ricordiamo:
Benedetto Della Vedova. La taenia solium di Gianfranco Fini, di cui è diventato il suggeritore e braccio destro  dal 2009 essendo lo sciagurato capo ex-almirantiano stato istruito a trasformare il partito  in una “destra”   gradita a Londra e al Rito Scozzese.  Fini è politicamente morto, e a rischio di galera per essersi fatto parassitare dai Tulliani; Benedetto della Vedova è più vivo che mai. Tuttora senatore, eletto con Monti (un altro  che il parassita ha ucciso), è diventato segretario agli Esteri con Renzi, e lo è tuttora con Gentiloni. Ma ciò stupisce molto meno, data l’affinità biologica  dell’ex Partito Comunista, diventato  il partito radicale di massa  – ossia mutatosi da Partito dei Lavoratori a partito della Borghesia Ricca e Viziosa, la Orgasmus Generation.



Imparate, politici, da Fini, i pericoli della tenia.
Berlusconi, le cui abitudini  di rotolarsi nel fango sono ben note,  ha un partito  colonizzato dai parassiti radicali: da Marco Taradash a Elio Vito, da Eugenia Roccella, da Stracquadanio a Quagliarello, fino a Daniele Capezzone.   Intere colonie di platelminti ed ascaridi, che  fanno di Forza Italia un pannellismo ambulante e verminante.
Il ciclo biologico del verme solitario: dal porco all’uomo.

Ma ovviamente  il colpo grosso del partito-parassita  è stato di infilarsi nella pancia del Vaticano,  grazie alla negligenza dell’igiene mentale che ha instaurato  “Francesco” e alle frequentazioni  (omo) sessuali di  troppi dei suoi collaboratori intimi. Come ci ha insegnato la dottoressa De Mari, tali abitudini sono una  fonte enorme di infezioni: dalla clamidia alla blenorragia (vulgo scolo), dall’AIDS alla pediculosi del pube, dalla proctite al radicalismo di Soros via Bonino.

 FONTE: https://www.maurizioblondet.it/radicali-partito-tenia/