lunedì 26 marzo 2018

AHED TAMIMI, UN ESEMPIO

La ragazzina palestinese che ha sfidato l’Esercito israeliano


Tre ragioni per cui Israele ha fatto marcia indietro, e Ahed Tamimi sarà libera
L’arresto di Ahed avrebbe dovuto scoraggiare i giovani palestinesi, ma invece li ha ispirati a organizzarsi

Fadi Quran – marzo 2018

L’esercito israeliano è stato costretto a cedere e ad abbandonare 8 delle accuse contro Ahed come parte di un patteggiamento, in cui Ahed ha riconosciuto in tribunale il fatto che lei ha schiaffeggiato il soldato e ha organizzato proteste.
In cambio, Ahed otterrà la pena minima di 8 mesi invece di trascorrere minimo 3 anni di prigione in base a ciò che aveva chiesto inizialmente il procuratore militare. Gli avvocati del tribunale militare di Ofer ci dissero che saremmo stati fortunati con l’offerta di un patteggiamento di 2 anni. Ma ora, Ahed sarà fuori a luglio – in tempo per andare al suo primo anno di college. Per i prossimi 4 mesi di prigione, Ahed si concentrerà sui suoi studi e si sottoporrà agli esami dell’ultimo anno.

La madre di Ahed, Nariman, verrà rilasciata nello stesso momento.
Il fatto che una ragazza venga imprigionata per 8 mesi per aver schiaffeggiato un soldato le cui truppe hanno appena sparato in faccia a un cugino di 15 anni è eccessivo, ma nel contesto del tasso di condanna del 99% dei casi nel sistema giudiziario militare israeliano e l’incitamento della destra contro Ahed, questo compromesso da parte dell’esercito israeliano dimostra di aver deciso la resa di fronte alla crescente pressione per rilasciare Ahed. In effetti, stavano supplicando l’avvocato di Ahed, Gaby Lasky, ad accettare il patteggiamento. Di seguito sono riportati i 3 principali motivi per cui l’esercito israeliano è stato costretto a fare marcia indietro, e ha condannato Ahed alla pena minima possibile:

(1) Ahed ha negato la sua colpevolezza, quindi non c’erano prove sufficienti per condannarla
Israele ha sottoposto Ahed Tamimi a intensi interrogatori militari guidati da un membro dell’intelligence militare israeliana. Le tattiche di interrogatorio avevano lo scopo di costringerla ad ammettere la colpevolezza delle 12 accuse mosse contro di lei. I bambini detenuti, che sono spesso picchiati, disorientati e impauriti, finiscono per dire tutto ciò che l’interrogatore li obbliga a dichiarare – ma Ahed ha coraggiosamente mantenuto il suo diritto a rimanere in silenzio per l’intero interrogatorio. Non essendo riusciti a far confessare Ahed, i militari israeliani hanno arrestato altri 10 palestinesi di Nabi Saleh, 8 dei quali bambini. Questi bambini sono rimasti irremovibili e nessuno ha dato false testimonianze per incriminare Ahed.
Quindi, il pubblico ministero non ha avuto prove sufficienti per incriminare Ahed, il che ha reso difficile completare il processo, in particolare mentre stava ottenendo una significativa attenzione internazionale.

(2) Il caso di Ahed ha creato un massiccio clamore globale verso cittadini e diplomatici: milioni di persone in tutto il mondo hanno guardato sconvolte come una ragazza di 16 anni veniva terrorizzata, e Israele non è riuscito a capovolgere la storia.
Dopo una massiccia campagna israeliana di destra che chiedeva l’arresto, e talvolta persino l’omicidio, di Ahed, inseguito suo arresto, Ahed è diventata rapidamente un simbolo dei bambini palestinesi. Dozzine di network si sono uniti per coprire la sua storia, e così facendo hanno acceso un riflettore sulla detenzione di bambini palestinesi nei tribunali militari israeliani. Oltre 1,75 milioni di persone in tutto il mondo sono intervenute con Avaaz e hanno chiesto il rilascio di Ahed e dei bambini palestinesi detenuti. Amnesty e Human Rights Watch hanno aderito alla campagna – e le reti di news dalla BBC a Xinhua e dalla CNN ad Al Jazeera hanno riportato la sua storia.
Nel tentativo di far girare la storia a favore di Israele, l’ex ambasciatore israeliano negli Stati Uniti, Michael Oren, ha affermato che la “famiglia Tamimi erano attori“, che i giornalisti non avrebbero dovuto prendere in considerazione. Oren sostenne inoltre che la Knesset aveva instituito un comitato di indagine sulla “autenticità” della famiglia, che fu tranquillamente ridicolizzato negli ambienti diplomatici come un segno della paranoia di Israele e della sua incapacità di umanizzare i palestinesi.
In un ultimo disperato tentativo di diffamare la famiglia Tamimi, Mohammad Tamimi, 15 anni, il cui cranio è stato distrutto quando un soldato gli ha sparato in faccia, è stato arrestato. Ahed ha schiaffeggiato il soldato dopo che suo cugino Mohammad è stato colpito e in condizioni critiche – e quella storia ha intensificato il sostegno globale per il suo caso.
Mohammad Tamimi, il cugino di Ahed ferito al cranio
L’esercito israeliano interrogò Mohammad e lo costrinse ad ammettere di aver subito un trauma cranico (mancava un terzo del suo cranio e aveva bisogno di un intervento chirurgico per ricostruirlo) cadendo da una bicicletta. Il maggiore generale Yoav Mordecai ha postato la “confessione” di Mohammad sulla sua pagina Facebook. Tuttavia, la famiglia Tamimi ha rapidamente rilasciato radiografie, filmati e documenti ospedalieri che hanno dimostrato senza dubbio che Mohammad è stato colpito, costringendo i militari a fare marcia indietro.
Mohammad Tamimi – cranio spezzato da un proiettile sparato da un soldato israeliano durante le proteste a Nabi Saleh.

A livello diplomatico, molte nazioni che erano già preoccupate per il maltrattamento dei bambini palestinesi nelle prigioni militari israeliane hanno sollevato il caso. L’UE ha affermato di essere “profondamente preoccupata” per l’arresto dei minori. Diplomatici di tutto il mondo sono stati mobilitati per assistere all’audizione di Ahed, con rappresentanti di Germania, Francia, Belgio, Spagna e molti altri che hanno partecipato al processo.
(3) L’arresto di Ahed avrebbe dovuto scoraggiare i giovani palestinesi, ma invece li ha ispirati a organizzarsi
I militari israeliani speravano che l’arresto di Ahed avrebbe dissuaso i giovani di Nabi Saleh (villaggio di Ahed) e palestinesi in tutta la regione dalla protesta. Quello che è successo è stato il contrario: i giovani sono stati ispirati dalla storia di Ahed e le proteste a Nabi Saleh e altrove sono diventate più grandi e più intense.

Bambini palestinesi arrestati
Anche i giovani dei villaggi intorno a Nabi Saleh hanno aderito alle proteste. E gli studenti palestinesi hanno iniziato il processo di organizzazione di una “March for our freedom”. Temendo ulteriori sconvolgimenti, e riluttanti a fare di Ahed una eroina più grande, l’esercito israeliano è stato costretto a cedere e far cadere 8 delle accuse contro Ahed. Invece di trascorrere più di 3 anni di carcere in base a quello che inizialmente avevano stabilito, ora uscirà a luglio – abbastanza in tempo per andare al suo primo anno di college. Gli unici capi di accusa riguardavano il video (schiaffeggiare un soldato) e l’organizzazione delle proteste. Sono state derubricate l’accusa di incitamento ad attentati e accoltellamenti per lei e sua madre, e l’accusa di lancio di pietre. Per i prossimi 4 mesi di prigione, Ahed si concentrerà sui suoi studi e sosterrà il suo esame per l’ultimo anno.
È essenziale che raccontiamo la storia di Ahed così com’è, un esempio di fermezza in prigione e il fallimento da parte dei militari per stroncarla. In tribunale, Ahed ha detto: “Non c’è giustizia sotto l’occupazione”. Ha ragione, ed è per questo che questo patteggiamento, per quanto ingiusto, è stato il massimo che si potesse sperare e il più grande compromesso possibile che esercito israeliano, sotto pressione, avrebbe potuto sostenere.

Ci sono 356 bambini, tutti come Ahed, ancora in isolamento militare. Ogni anno oltre 750 bambini vengono arrestati. Continuiamo ad agire finché non saranno tutti liberi.
Trad. Invictapalestina.org

Fonte: Medium.com
https://www.controinformazione.info/la-ragazzina-palestinese-che-ha-sfidato-lesercito-israeliano/#