venerdì 26 maggio 2017

OGNI DUE MINUTI SCOMPARE UN BAMBINO . . .

MA PER QUALCUNO IL PROBLEMA E' COME SI SALUTA UN DEFUNTO
 
 
Minori scomparsi
 
 
PROPONIAMO 2 NTERESSANTI ARTICOLI
 

Emergenza bambini: in Europa scompare un minorenne ogni 2 minuti

Fughe volontarie, sequestri ma anche sfruttamento sessuale: le cifre di un dramma.



Una vera Emergenza. Sono oltre 50mila ogni anno, in tutta Europa, le segnalazioni di minori scomparsi che giungono al numero unico europeo per i minori scomparsi. Una ogni due minuti secondo quanto riporta Missing Children Europe, la federazione Europea per i "Bambini Scomparsi e Sfruttati Sessualmente" che rappresenta 33 organizzazioni non governative attive in 24 Paesi dell`Unione Europea. Tutti questi Paesi collaborano con l`intento di costruire a livello europeo buone prassi e di agevolare lo scambio di procedure di intervento sempre più efficaci nel contrastare la scomparsa di bambini e adolescenti italiani e stranieri.


Gestiscono, ciascuna nel rispettivo paese, la linea 116.000, il numero unico europeo per la segnalazione dei minori scomparsi. Al numero verde operatori specializzati forniscono supporto psicologico, sociale, giuridico e amministrativo 24 ore su 24 e sette giorni su sette via telefono sms o chat. Oltre a offrire numerosi servizi di prevenzione. In Italia è il Telefono Azzurro a gestire per la Commissione europea il numero verde.


I numeri. Il tema di minori scomparsi in Europa è diffuso. Le segnalazioni dei casi trattati dalla hotline, riguarda casi di "fuga" (il 57%), seguita da rapimento (23). Spesso scappano dai centri d`accoglienza in cerca di sopravvivenza diventando però vittime di abuso e sfruttamento sessuale. Le chiamate ricevute ogni anno al 116.000 in tutta Europa sono oltre 50.000, segnalazioni, che a seconda del tema e della gravità vengono poi gestite in collaborazione con le autorità.


Nel 2016 i casi effettivamente gestiti dalle hotline 116 000 in Europa (informazioni fornite da 23 hotline), sono stati 5742, un trend in crescita rispetto al 2015. In questo scenario si muove quindi nel nostro paese Telefono Azzurro, che in occasione del Missing Children`s Day, ha presentato un preoccupante dossier sul tema. Dal 2009 a oggi, la linea 116 000 affidata a Telefono Azzurro in Italia ha accolto 1816 nuove segnalazioni di scomparsa, ritrovamenti, avvistamenti e aggiornamenti su casi di minorenni scomparsi. A queste devono essere aggiunte le numerose chiamate nelle quali il 116 000 ha offerto supporto emotivo al chiamante o ha risposto ad una richiesta di informazioni sul servizio.


"Le considerazioni e le implicazioni basate su tali dati, vanno sviluppate considerandole come una sottostima della reale incidenza del fenomeno, in quanto riferiscono esclusivamente circa i casi di fatto notificati alle linee - commenta Ernesto Caffo, Presidente di Telefono Azzurro e docente di Neuropsichiatria infantile presso l`università di Modena e Reggio Emilia. Uno degli obiettivi della Hotline 116 000 è proprio quello di incrementare la capacità di risposta ai bisogni e riduzione dei rischi specifici cui sono esposti i MSNA.


Tale azione verrà implementata attraverso il rafforzamento e l`ampliamento delle attività e delle competenze offerte a sostegno dei MSNA, dei loro caregiver e degli stakeholder coinvolti nelle azioni di supporto, assistenza, presa in carico ed erogazione di servizi".


Nell`ultimo biennio il Servizio 116 000 Hotline nel nostro paese ha registrato un esponenziale incremento delle segnalazioni di allontanamento dai centri di accoglienza da parte dei minori stranieri non accompagnati.


Dall'1 Gennaio al 31 Marzo 2017, il 79,63% dei casi gestiti dalla Hotline 116 000 di Telefono Azzurro ha riguardato casi di fuga/scomparsa di Minori stranieri non accompagnati dei quali le tracce rimangono quasi sempre perse. Solo nel primo trimestre del 2107 sono pervenute 87 segnalazioni di scomparsa, oltre la metà del dato annuale registrato nel 2017. L`estrazione di questa informazione conferma un trend fortemente in crescita della fattispecie, rilevato nelle ultime annualità di gestione del Servizio.


All`interno della macro categoria "Scomparsa di minore" rientrano diverse tipologie: Scomparsa non altrimenti specificata, Sottrazione Parentale (nazionale e internazionale), Rapimento, Fuga da casa/istituto, Minori Stranieri Non Accompagnati. Il maggior numero di casi gestiti dal Servizio riguarda casi di Minori Stranieri Non Accompagnati (27,3%).


Compito precipuo del servizio 116 000 è quello di favorire ed estendere la ricerca dei bambini scomparsi anche oltre i confini nazionali, condividendo le informazioni relative a casi di scomparsa con gli altri omologhi 116 000 attivi, operativi nelle rispettive Nazioni. Il Paese con cui si è instaurata una maggiore collaborazione, nel periodo di riferimento dei dati, è la Romania (22%).


La maggior parte dei minori coinvolti in situazioni di scomparsa e segnalati al Servizioè di genere maschile (56,60%), mentre la fascia d`età più coinvolta riguarda i bambini che hanno un`età compresa tra quindici e diciotto anni (51,92 %).
 
FONTE : http://www.globalist.it/world/articolo/1000884/emergenza-bambini-in-europa-scompare-un-minorenne-ogni-2-minuti.html
 

Giornata dei bambini scomparsi: solo in Italia sono 15.000

Oggi 25 maggio 2015 si ricordano i bambini scomparsi: in tutto il mondo sono circa otto milioni i minori di cui non si sa più nulla.


 
Solo in Italia sono 15.117 i minori scomparsi e più ritrovati dal 1974 al 2014: di questi 13.489 sono stranieri e 1.628 italiani. E oggi, come ogni 25 maggio, si ricordano tutti i bambini di cui non si hanno più notizie nella Giornata Internazionale per i Bambini Scomparsi. Il giorno, simbolico, è quello in cui si sono perse le tracce del piccolo Ethan Patz, rapito a New York il 25 maggio 1979: ogni anno in questo giorno particolare si cerca di sensibilizzare l’opinione pubblica su questo fenomeno e per inviare un messaggio di solidarietà e speranza ai genitori che non hanno più notizie dei loro bambini.



Nel mondo esiste una rete Globale per i Bambini Scomparsi, un programma del Centro Internazionale per i Bambini Scomparsi e Sfruttati (ICMEC). Le cifre sono di dimensioni propositate: almeno 8 milioni di bambini scompaiono ogni anno, ossia 22 mila bambini al giorno.




Il problema dei minori scomparsi è una piaga anche dell'Italia. In occasione della Giornata internazionale dei bambini scomparsi, il commissario straordinario per le persone scomparse del ministero dell'Interno, Vittorio Piscitelli, ha diffuso alcuni dati: ad esempio tra tutte le persone di cui si è registrata la sparizione il 51,7% ha meno di 18 anni.



"I minori stranieri non accompagnati sono il problema dei problemi", ha affermato Piscitelli, durante un incontro promosso da Telefono azzurro. In generale, la causa della scomparsa "è sempre il disagio, la povertà o la guerra" e nel "64-65% dei casi il ritrovamento avviene nelle prime ore dopo la scomparsa, soprattutto nel caso dei minori, i quali non hanno risorse e che quindi sono spinti a chiedere aiuto".



Durante il convegno è stato lanciato anche un allarme da Ernesto Caffo, presidente di Telefono Azzurro: "Il 116.000, numero unico europeo per i bambini scomparsi, gestito in Italia da Telefono azzurro, rischia di chiudere a causa dei tagli della Commissione Europea". Caffo ha spiegato: "Ogni anno nel mondo spariscono 8 milioni di bambini; in Europa 270 mila, cioè uno ogni due minuti in Italia dal maggio 2009 ad aprile 2015 il numero 116.000 ha gestito 610 casi di bambini spariti. Nel 38% dei casi si trattava di fughe da casa, nel 31% di fughe da istituti, nel 10% di sottrazioni internazionali, nel 6% di minori stranieri non accompagnati". Nel 2014 in Europa la linea 116.000 ha gestito 6.119 casi di bambini scomparsi. Telefono Azzurro, in collaborazione con la federazione Missing Children Europe, ha lanciato oggi la campagna "#Salvail116.000, salva un bambino", "per poter continuare a garantire un servizio essenziale".