venerdì 3 marzo 2017

Tanto per capirci, Matteo

DI CARLO BERTANI

carlobertani.blogspot.it

Molti saranno rimasti sorpresi dalle coincidenze di previste “riforme” del mercato del lavoro, nelle quali si sono distinti Renzi, Berlusconi, Brunetta & compagnia cantante, mentre il solo Vendola ci aveva seriamente provato, rimediandone un fiasco. Stiamo parlando del famoso (!) “lavoro di cittadinanza”.

C’è poco da dire, si tratta – oramai – della politica delle “assonanze”, dei proclami, dei conigli dal cappello. Gli unici a possedere ancora un cappello sono gli italiani: sono rimasti col cappello in mano.

Quale vuol essere il senso di questa, ultima pagliacciata? Un senso ce l’ha, credetemi, non è solo aria fritta, e non ci vogliono approfondite analisi per capirlo.
Di cosa ha bisogno il PD?

Di una politica? Di iscritti? Di teste pensanti? Di appoggi internazionali? Altro?

No, il PD ha un solo bisogno, disperato: voti, cerca voti e basta.

Allora – direte voi – emanerà questo lavoro di cittadinanza che è un mini-reddito di cittadinanza truccato da lavoro inesistente per avere dei voti. Concordo – anche se siamo ben oltre Ibsen e Kafka – ma la verità è più prosaica, non c’entrano niente questi grandi geni/folli della storia letteraria.

In altre parole, gli italiani – contenti – correranno a votare Renzi che ha dato loro 300 euro il mese per campare. Vi sembra così?

Può darsi che qualche “gnocco” ci caschi e si goda (!) i 300 euro, sollazzando lui stesso e la famiglia, ma non è così.

Di certo, Renzi – nella legge, purtroppo stesso errore commesso dai grillini nel Dis. Legge sul reddito di cittadinanza (che non è un vero RdC, ma solo un assegno di disoccupazione, ho scritto un lungo articolo in due parti per spiegarlo) – coinvolgerà tutto l’ambaradan di regime, ossia Regioni, ex-Province, Comuni e tutta la banda che suona più il coro.

Perché?

Poiché bisognerà spulciare a dovere le domande, capire chi ne ha diritto, squartare il capello in quattro…e allora…serviranno appositi uffici a tutti i livelli, per acclarare, capire con certezza chi ne ha diritto. Come, del resto, sempre hanno fatto con le pensioni d’invalidità (!).

Potranno assumere personale oppure – meglio – appoggiarsi ad apposite strutture (che ne dite delle graziose cooperative?) private, o un mix d’entrambe le scelte: l’importante è dare lavoro a gente fidata, che contraccambi con i suoi voti.

Mettiamo che Renzi stanzi 1000 euro/mese per ogni “lavoratore” di cittadinanza…beh…se ne darà 300 (come si ventila) ad ogni lavoratore…quanti scaldasedie riuscirà ad assumere con gli altri 700? E vi assicuro – questa gente la conosco – che per fare il “controllore” ci sarà un’apposita commissione, presieduta da Josif Stalin in persona.

Sic stantibus rebus.

Carlo Bertani

Fonte: http://carlobertani.blogspot.it

Lik: http://carlobertani.blogspot.it/2017/03/tanto-per-capirci-matteo.html