lunedì 19 dicembre 2016

Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU si riunisce a porte chiuse dopo la cattura di ufficiali della NATO ad Aleppo

Conflitto in Siria
 


Le forze speciali dell’Esercito siriano hanno catturato nell’Est di Aleppo 14 ufficiali di alto rango della denominata coalizione anti ISIS diretta dagli USA.
Secondo le informazioni trasmesse il Venerdì da varie agenzie Francesi, Iraniane e Libanesi, questi ufficiali sono stati arrestati mentre si trovavano in un bunker nella parte est di Aleppo che era fino a pochi giorni prima sotto il controllo dei gruppi terroristi diretti da Al Nusra.

Gli ufficiali, assicurano le fonti, svolgevano i compiti di istruttori militari e comandanti ed offrivano assistenza ed aiuto ai “ribelli moderati” dirigendo le loro offensive contro le forze siriane ad Aleppo. Fra l’altro questi militari erano in contatto con la base NATO di Smirne in Turchia che trasmtteva loro le coordinate satellitari degli obiettivi da colpire con i missili ed artiglierie a disposizione dei miliziani.
Le prime informative riferiscono che questi ufficiali appartengono quasi tutti alla NATO ed il giornalista siriano, Said Hilal Alcharifi, ha indicato che questi sono di nazionalità degli USA, di Gran Bretagna, Francia, Israele, Germania, Turchia, Arabia Saudita, Marocco e Qatar.
“Le autorità siriane hanno potuto, grazie a delle informazioni minuziose, arrivare al quartier generale degli alti ufficiali occidentali e regionali nel seminterrato di un quartiere di Aleppo-Est, e catturarli tutti vivi”, riferisce Alcharifi.
“Alcuni nomi sono già stati ex filtrati a giornalisti siriani me compreso.
Visto le nazionalità (US, francesi, inglesi, tedeschi, israeliani, turchi, sauditi, marocchini, qatariani, ecc.. ecc) di questi bastardi e loro gradi militari, vi assicuro che la Siria detiene in questo momento un grosso tesoro per condurre le trattative con i paesi che l’hanno distrutta”, prosegue oil reporter siriano.
Non è chiaro fino ad ora se questi ufficiali siano in forza alla NATO o alla coalizione occidentale/regionale che dichiara di combattere l’ISIS, tuttavia la lista dei loro nomi è stata pubblicata dal parlamentare siriano Fares Shehabi che è anche il presidente della Camera di Commercio di Aleppo e dimostra che fra gli arrestati vi è uno statunitense, un israeliano ed un turco, oltre agli altri che sono sauditi del Qatar ed un marocchino.
Non ci sono ancora stati commenti da parte delle autorità dei paesi cui appartengono questi elementi  ma la cattura di questi ufficiali spiega perchè i governi di USA, GB e Francia insitevano tanto a richiedere la tregua e lo sgombero dei civili dai quartieri est di Aleppo, nonostante fosse chiaro che tutti queste zone della città erano ormai sotto il controllo delle forze siriane e russe.
Probabilmente i “bambini” di cui si preoccupavano tanto i governi occidentali erano questi ufficiali che dirigevano i tiri di missili ed artiglieria contro i quartieri Ovest di Aleppo, mietendo centinaia di vittime civili. I “bambini” sono adesso nelle mani dell’Esercito siriano che non se li lascia scappare e procede agli interrogatori.
Silenzio dai media occidentali che improvvisamente “distraggono” l’opinione pubblica con altre notizie sulle intromissioni della Russia di Putin sulle campagne presidenziali negli USA.
Fonti: Hispan Tv
 
Traduzione e sintesi: Luciano Lago