venerdì 12 agosto 2016

Sloggiare i militari per fare posto ai clandestini, questa la nuova direttiva del Governo Renzi /Alfano/ Pinotti-di Luciano Lago

Il progetto folle del Governo mondialista di Renzi e Alfano: si inizia con il consegnare le caserme agli immigrati, poi…… si sequestreranno le case sfitte, le palestre e le scuole.
Il Governo Renzi/Alfano, succube delle direttive ricevute dalle centrali di Bruxelles e degli altri organismi sovranazionali, continua con la sua politica folle di accoglienza sempre e comunque delle masse di immigrati e clandestini che si riversano ad ondate continue sulle coste italiane.
Ogni giorno arrivano migliaia di migranti sulle coste italiane, notizia quasi oscurata dai media, che poi si riversano nelle città, in particolare nel Nord Italia, come Milano, Ventimiglia (al confine francese), a Como, a Bolzano (in prossimità del Brennero) da dove vengono respinti tutti i migranti clandestini che cercano di attraversare il confine.
I paesi europei confinanti con l’Italia rifiutano di lasciar passare queste persone e li rispediscono in Italia, rimasta l’unico paese a non aver chiuso le frontiere alla migrazione clandestina.
Per evitare l’assembramento di migranti su città come Milano, Como e le ovvie conseguenze di degrado nelle zone urbane, il Governo ha trovato l’idea “geniale” di destinare le caserme alle masse di immigrati per risolvere la situazione che continua ad aggravarsi ed ad esasperare buona parte dei cittadini che si trovano a dover affrontare le conseguenze della sciagurata politica del governo in termini di insicurezza, degrado e delinquenza.
Dopo che Giuseppe Sala, sindaco di Milano, allarmato per la situazione critica di migliaia di migranti accampati nelle strade e piazze della città meneghina, aveva chiesto aiuto al Governo, si è avuta da questo Governo la “svolta decisiva”. Lo stesso sindaco aveva fatto presente ieri la necessità di trovare nuovi spazi per l’accoglienza, accennando alla possibilità di una tendopoli (salvo poi smentire subito dopo).

Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, consultatasi con Renzi e Alfano, ha deciso di fornire la disponibilità di una caserma, la Mondello, nella zona nord di Milano, nonostante questa sia utilizzata da un reparto militare. I militari attualmente presenti nella caserma, circa 350 con le loro famiglie, sono costretti a traslocare altrove lasciando la caserma per l’alloggio dei migranti.
Questo costituisce un grave precedente, visto che a breve altri prefetti e sindaci chiederanno la destinazione di altre caserme ai migranti, per risolvere nell'immediato il problema anche quando all'interno delle caserme vi siano reparti militari delle varie armi. Sloggiare i militari per fare posto ai clandestini, questa la nuova direttiva del Ministero di Alfano e della Pinotti......