giovedì 11 agosto 2016

FIRENZE, 11 AGOSTO 1944: ONORE AI FRANCHI TIRATORI

L'11 agosto 1944 Firenze venne occupata dall'invasore angloamericano
 perché era stata sguarnita dai nostri soldati
che si stavano attestando su di una linea di fronte più a settentrione.
Ma vi si resistette con caparbietà, con audacia e con onore.
 
 
 
 
 
 
I franchi tiratori,  dimostrarono che la città di Pavolini,
 il capoluogo di quel Granducato di Toscana,
 come sarebbe stata definita la RSI per la grande partecipazione
 che la regione di Dante diede alla Repubblica,
non sarebbe caduta senza colpo ferire.
 Centinaia di fiorentini di ambo i sessi e di tutte le età
 spararono dalle finestre, dai tetti, dagli angoli delle strade,
 inchiodando al suolo il nemico e le bande partigiane al suo seguito.
 Non avevano alcuna speranza di sopravvivenza perché,
 una volta presi, sarebbero stati fucilati.
Gli ultimi soldati ad abbandonare il capoluogo toscano provarono
 a convincere i franchi tiratori più vicini a mettersi in salvo con loro.
“La consegna – risposero – è quella di morire sul posto”.
 E così fecero. 
 
 
I FUCILATI DI FIRENZE
 (da LA PELLE di Curzio Malaparte) 
 
I ragazzi seduti sui gradini di S. Maria Novella, la piccola folla di curiosi raccolta intorno all’obelisco, l’ufficiale partigiano a cavalcioni dello sgabello ai piedi della scalinata della chiesa, coi gomiti appoggiati sul tavolino di ferro preso a qualche caffè della piazza,la squadra di giovani partigiani della divisione comunista “ Potente “, armati di mitra e allineati sul sagrato davanti ai cadaveri distesi alla rinfusa l’uno sull’altro, parevano dipinti da Masaccio nell’intonaco dell’aria grigia. Illuminati a picco dalla luce di gesso sporco che cadeva dal cielo nuvoloso, tutti tacevano, immoti, il viso rivolto tutti dalla stessa parte. Un filo di sangue colava giù per gli scalini di marmo.
I fascisti seduti sulla gradinata della chiesa erano ragazzi di quindici o sedici anni, dai capelli liberi sulla fronte alta, gli occhi neri e vivi nel lungo volto pallido. Il più giovane, vestito di una maglia nera e di un paio di calzoni corti, che gli lasciavano nude le gambe dagli stinchi magri, era quasi un bambino.

 C’era anche una ragazza fra loro: giovanissima, nera d’occhi, e dai capelli, sciolti sulle spalle, di quel biondo scuro che s’incontra spesso in Toscana fra le donne del popolo, sedeva col viso riverso, mirando le nuvole d’estate sui tetti di Firenze lustri di pioggia, quel cielo pesante e gessoso, e qua e là screpolato, simile ai cieli del Masaccio negli affreschi del Carmine.

Quando avemmo udito gli spari, eravamo a metà via della Scala, presso gli Orti Oricellari. Sboccati sulla piazza, eravamo andati a fermarci ai piedi della gradinata di Santa Maria Novella, alle spalle dell’ufficiale partigiano seduto davanti al tavolino di ferro.

Al cigolio dei freni delle due jeep, l’ufficiale non si mosse, non si voltò. Ma dopo un istante tese il dito verso uno di quei ragazzi, e disse:

- Tocca a te. Come ti chiami

- Oggi tocca a me - disse il ragazzo alzandosi - ma un giorno o l'altro toccherà a lei.

- Come ti chiami ?

- Mi chiamo come mi pare...

- O che gli rispondi a fare a quel muso di bischero, gli disse un suo compagno seduto accanto a lui.

- Gli rispondo per insegnargli l'educazione, a quel coso - rispose il ragazzo, asciugandosi col dorso della mano la fronte madida di sudore. Era pallido, e gli tremavano le labbra. Ma rideva, con aria spavalda guardando fisso l'ufficiale partigiano.

A un tratto i ragazzi presero a parlar fra loro ridendo.

Parlavano con l'accento popolano di San Frediano, di Santa Croce, di Palazzolo.

L’ufficiale partigiano alzò la testa e disse:

- Fa' presto. Non mi far perdere tempo. Tocca a te.

- Se gli è per non farle perdere tempo - disse il ragazzo con voce di scherno - mi sbrigo subito.

E scavalcati i compagni andò a mettersi davanti ai partigiani armati di mitra, accanto al mucchio di cadaveri, proprio in mezzo alla pozza di sangue che si allargava sul pavimento di marmo del sagrato.

- Bada di non sporcarti le scarpe! - gli gridò uno dei suoi compagni, e tutti si misero a ridere.

- Jack e io saltammo giù dalla jeep.

- Stop! - urlò Jack.

Ma in quell’istante il ragazzo gridò:
 
- Viva Mussolini! - e cadde crivellato di colpi .